Cosa è cambiato?

Alla vigilia della prima stracittadina per la compagine del Genio, ci siamo posti una domanda: cosa è cambiato? Cosa è cambiato nel calcio palermitano in 365 giorni? E’ passato, infatti, quasi un anno dal nostro primo derby, all’epoca contro la Panormus. In quell’occasione abbiamo esaminato il momento calcistico della nostra città: una situazione quasi drammatica ed un declino inarrestabile. Al giorno d’oggi un dato è Continua a leggere

I muscoli del Capitano

“Guarda i muscoli del capitano, tutti di plastica e di metano. Guardalo nella notte che viene, quanto sangue nelle vene. Il capitano non tiene mai paura…” comincia così la bellissima ballata del maestro De Gregori che omaggia il ruolo del capitano, in quel caso di un coraggioso comandante di un vascello, narrando della responsabilità che l’incarico gli impone. Quello del Palermo Calcio Popolare porta il nome di Ezio Petrolà, non avrebbe Continua a leggere

Non c’è due senza tre

Il Palermo Calcio Popolare centra la terza vittoria consecutiva, sconfiggendo i padroni di casa del Real Trabia per 3-0. Un successo maturato grazie ad un prova perfetta dei ragazzi in verderosanero che per tutti i novanta minuti hanno tenuto in mano il pallino del gioco. La prima frazione si chiude con il minimo vantaggio e porta la firma di capitan Petrolà, abile ad eludere la tattica del fuorigioco su un perfetto assist di Santoro. Le reti Continua a leggere

Subbuteo, Oscar e MatchDay!

E’ stata una settimana intensa e ricca di novità quella che ha preceduto il match casalingo contro la Supergiovane Castelbuono.

Quel “Subbuteo” ad inizio titolo, ma anche in fotocopertina, ci fa ancora emozionare ogni qualvolta guardiamo gli splendidi omini con le nostre maglie addosso. Una vera e propria sorpresa, opera di un appassionato perugino, del più vintage e popolare gioco da tavolo. Continua a leggere

Che brutto è…

“Che brutto è…questo calcio moderno…” comincia cosi il nuovo coro dei sostenitori del Genio, cantato a più riprese sugli spalti del bellissimo impianto del comunale di Santa Flavia. Un coro nato da quella goliardia che rappresenta l’anima del progetto popolare. Goliardico, ma originale: abbiamo sempre ascoltato il più noto è conosciuto “che bello è…”, la negativa e gaudente trasformazione è ancora una volta un grido contro il calcio Continua a leggere