La prima in “Prima”

Esordio amaro in prima categoria per il Palermo Calcio Popolare: in quel di Fulgatore sono i padroni di casa ad imporsi per 1-0. La prima in “Prima”, e scusateci il gioco di parole, è uno di quei giorni da scrivere negli annali di una squadra che ancora una volta vuole dimostrare, in questa nuova avventura, che il calcio può avere una dimensione più umana con al centro la parte più sana di questo sport ovvero i tifosi. Un mini esodo, circa 50 i sostenitori al fianco dei ragazzi di Mister Troia, che in prossimità del fischio di avvio si è concesso momenti di “dolcezza” con una performance popolare a base di cannoli locali e birra.
Il kick-off arriva puntualissimo alle 15.30 e Mister Troia si presenta con una formazione giovane e piena di nuovi innesti. Il primo tempo è un monologo del Fulgatore che va diverse volte vicino al vantaggio, ma sono due pali ed alcuni interventi di D’Antoni a sventare la rete dei locali in maglia blu. Sarà l’emozione e l’impatto con la categoria, ma i ragazzi in maglia verderosanero resistono con molto affanno agli attacchi degli uomini di Mister Grammatico chiudendo il tempo sullo zero a zero.
I primi minuti della seconda frazione cominciano sulla falsa riga dei quarantacinque minuti d’avvio, ma col passare del tempo la squadra popolare prende campo ed il pallino del gioco sfiorando anche il vantaggio. Sono sempre i pali, se ne conteranno 4 per il Fulgatore, a salvare D’Antoni e compagni. Resta anche il dubbio di un gol fantasma palermitano che l’arbitro non concede. Ma la beffa è dietro l’angolo e prende il nome di Salvatore Stabile. Il neoentrato al 93′ insacca alle spalle di D’Antoni, in contropiede, regalando il bottino pieno ai trapanesi. Cosa c’è di più bello di un gol in pieno recupero? Gioia ed estasi per chi lo realizza e rammarico misto a disperazione per chi lo subisce: il bello del calcio è racchiuso proprio in questa nostalgica filosofia che appartiene al nostro progetto. Al fischio finale accorato applauso ai nostri ragazzi che come sempre hanno onorato la maglia con addosso il Genio di Palermo. L’orgoglio della gente del Palermo Calcio Popolare è tangibile in questo abbraccio finale, sempre al fianco dei ragazzi, che si vinca o che si perda, senza chiedere null’altro.
Lasciamo la polvere e l’impianto di Fulgatore con la consapevolezza di giocarci al meglio questa nuova e difficile categoria.

Bello anche il lunghissimo e meritato applauso agli avversari proprio sotto il settore Popolare. La compagine di Fulgatore, che da quarant’anni è presente nel panorama calcistico siciliano, è una di quella storie che piacciono tanto a noi.

Adesso testa al battesimo in casa: avversario il Città di Cinisi, al campo del Cantiere Navale, domenica 14 ottobre alle tre del pomeriggio!

Amunì Genio…Contro il Calcio Moderno!

il calcio è della gente!